Consigli per illuminare la camera da letto

Illuminare la camera da letto è un argomento che interessa molti.

Realizzare il giusto lighting design in camera è essenziale per renderla un luogo confortevole dove riposare la notte e alzarsi e splendere ogni mattina prima di affrontare la giornata.



La migliore luce in camera è quella progettata per livelli stratificati. Cioè non basta solo posizionare una luce a centro stanza per risolvere e creare un look interessante!

Sapere come stratificare l’illuminazione è la chiave per creare un effetto “wow”. Ciò significa trovare il giusto equilibrio tra illuminazione ambientale, diretta e d’accento. Con questo equilibrio sarai in grado di gestire l’illuminazione per qualsiasi attività con il semplice tocco di un interruttore.



Per cominciare, iniziate a costruire la vostra luce in camera da letto con un’illuminazione ambientale o generale. Una corretta illuminazione ambientale include la luce naturale, ricavata attraverso grandi finestre o lucernari e un’illuminazione artificiale: si tratta di qualunque corpo illuminante o elemento architettonico che fornisca una discreta quantità di illuminazione che ti consentirà di svolgere attività generali come pulire, piegare i vestiti o rifare il letto.


In termini di illuminazione artificiale, la luce ambientale si ottiene al meglio con plafoniere, sospensioni a soffitto o lampade da tavolo/terra.

Questi corpi illuminanti ti offriranno una quantità sufficiente di luce per attività che non richiedono una resa troppo soffusa o focalizzata.

Se prevedete di svolgere attività che richiedono un po’ più di concentrazione, come leggere, lavorare o truccarti, considerate di sovrapporre l’illuminazione generale con delle luci più “vicine”.

L’illuminazione per simili attività mirate non deve essere limitata alla tradizionale lampada da scrivania. Considerate le luci da comodino, le sospensioni su entrambi i lati del letto, le applique vicino allo specchio, le luci a parete su entrambi i lati di una testiera o altre luci direzionali poste sopra di essa.


In questo senso, la lampada da camera da letto può essenzialmente assumere qualsiasi forma, purché offra l’illuminazione ampia necessaria per una concentrazione prolungata.

Oltre al design e alla posizione, la funzionalità di una lampada da lavoro risiede anche nella lampadina.


Il Dimmer ci viene in aiuto: è un apparecchio elettronico che consente di regolare l’intensità luminosa di una lampada. Nello specifico, il termine deriva dall’inglese to dim che significa “attenuare la luce”. In italiano viene anche chiamato regolatore di luminosità.

Una corretta illuminazione con un Dimmer è importante, perché quando in camera c’è solo una sorgente di luce diffusa, è difficile passare a una modalità relax, essendo troppo forte l’intensità del fascio luminoso.


Con una lampada dimmerabile o una luce da comodino meno potente, puoi addormentarti o svegliarti più gradualmente.Non solo i Dimmer vi consentono di aggiungere una dimensione extra all’ambiente della stanza, ma sono intrinsecamente multifunzionali. Tra una scarsa illuminazione e la massima luminosità, un dimmer può soddisfare più esigenze di illuminazione.Alla massima luminosità, il dimmer si presta all’illuminazione generale, mentre con impostazioni inferiori la funzione consente l’impostazione della luce sulla base delle reali attività e del tuo umore.

Prima di iniziare a cercare lampadine e dimmer, vi consiglio di capire il vostro livello di luminosità preferito, in termini di lumen.

Sebbene i lumen suggeriti per la camera da letto siano compresi tra 2.000 e 4.000, questa è una decisione soggettiva che cambia in base al tipo di ambiente che desiderate per la vostra camera da letto.


Quando si deve predisporre come illuminare una camera da letto, in genere si inzia con una planimetria degli spazi e degli arredi e misurare tutto, progettando anche dove vanno inserite le prese.

Se c’è un punto luminoso predisposto a centro stanza o sopra il letto cercate di non appenderlo troppo in basso.

E’ bello usare apparecchi o plafoniere abbastanza grandi: un numero minore di elementi più grandi ha un impatto maggiore.

Non usate molti corpi illuminanti piccoli o standardizzato. Preferite le luci che si notino, per dimensioni e scala.Se c’è qualcosa di interessante sul muro o se volete creare un effetto particolare, installate faretti a soffitto, in modo tale da direzionare la luce dove volete

Non è importante la simmetria in camera, è più importante invece stratificare la luce. Prediligete più tipi di corpi illuminanti. Cercate sempre di avere qualcosa che generi un’ombra per dare una luce calda generale.


L’obiettivo è portare lo sguardo intorno all’intera stanza, non solo concentrarsi sul letto. Direzionare la luce in diversi angoli fa sembrare uno spazio più grande ed equilibrato.

L’obiettivo non è creare una stanza illuminata in modo uniforme, ma illuminarla in modo interessante, quindi fare in modo che l’occhio si sposti da un punto all’altro.


L’errore più comune è installare solo una luce a centro stanza. Questa farà sembrare tutto più piatto e poco interessante a livello volumetrico e di atmosfera.


Per una consulenza gratuita vi aspettiamo in Viale Somalia 191 a Roma.

Ci potete anche scrivere a info@lededilizia.it per un preventivo oppure un appuntamento.


Vi aspettiamo

0 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti