Come Illuminare a LED la tua attività commerciale?

Una corretta illuminazione non è importante solo nelle case, ma diventa addirittura strategica quando si parla di un negozio, piccolo o grande che sia.

E’ inutile sottolineare che un negozio poco illuminato può essere nettamente svantaggiato rispetto alla concorrenza. Bisogna quindi pensare ad un sistema di illuminazione efficace sia per gli interni sia per le vetrine, senza trascurare la zona intorno all’ingresso principale e valorizzare tutti gli espositori con la merce in evidenza, soprattutto quella che bisogna promuovere.


Pensate alle gioiellerie: i relativi commercianti non si limitano a utilizzare faretti qualsiasi, ma studiano il colore, il fascio di luce e sua apertura e direzione, per valorizzare e far brillare ancora di più le pietre che espone.



Spesso ci troviamo ad illuminare e progettare da capo l’illuminazione per molti negozi, tanti di questi sono gioiellerie, per l’appunto, e di abbigliamento. Ma ci è capitato di illuminare anche supermercati.


Badate bene che oggi non basta recarsi in un negozio che vende lampadine e scegliere qualche faretto…come voi per la vostra casa studiate la corretta illuminazione per ogni stanza, a maggior ragione per un negozio, l’illuminazione va progettata, studiata a tavolino. Vi può aiutare sicuramente un architetto, ma ancor di più esperti del settore come noi, che vi seguiamo dall’idea che avete in mente, fino allo sviluppo della stessa, consigliandovi in base alla struttura del vostro negozio e alla tipologia di merce che dovete vendere, che lampade installare, di che colore, quante, in quale direzione, se aggiungere dei corpi illuminanti sospesi o meno. Insomma cuciamo un vero e proprio vestito, a led però.



Facciamo qualche esempio


L’atrio, l’ingresso di un negozio deve essere innanzitutto il più possibile ampio e libero da impedimenti, per questo le lampade vanno installate a soffitto; sia per garantire una luce uniforme e cattura l’attenzione del cliente.

Si può optare per i classici faretti da cartongesso, oppure scegliere le barre a led, che riescono a combinare effetti di luce molto belli. Ma ci sono anche plafoniere o pannelli. La parola d’ordine è comunque LUCE al massimo.


Altro punto fondamentale sono le vetrine, primo biglietto da visita che invoglia il cliente a soffermarsi a guardare e scegliere se entrare. Qui la scelta è ponderata in base a ciò che vendete ovviamente. L’estetica sarà sicuramente personalizzata e potete scegliere tra qualcosa di elegante oppure ricca di colori e movimento. Anche qui ci sono faretti appositi che sono adatti per le vetrine, ma anche le strip led sono alleate preziose, calcolando che potete modulare i colori di luce come più vi piace. Oppure scegliere delle lampade led vintage, dallo stile industriale.

La parola d’ordine, qualsiasi colore di luce vogliate, resta comunque : LUCE. Bisogna che il passante veda subito e bene ciò che state vendendo.



Passiamo all’interno del negozio ora… anche qui, pensate con intelligenza dove installare le luci, e la scelta del loro posizionamento andrà fatta in base agli spazi espositivi. Se ad esempio abbiamo stand di abiti, oppure vediamo gioielli o accessori in appositi espositori che dovranno essere super illuminati, o ancora se parliamo di un reparto carni… la luce sarà rosa..per rendere la carne ancor più invitante. Scegliere se promuovere alcuni prodotti piuttosto di altri li farà posizionare sotto fasci diretti di luce e sicuramente all’ingresso del negozio.



Quindi scegliere le luci più potenti dove vogliamo che l’occhio del cliente “cada” forzatamente, e in questo caso le luci bianche, che tendiamo a tralasciare per casa, ci vengono in soccorso!


Invece nelle zone dei camerini di prova potete optare per luci naturali, ma sempre potenti, per far sì che i l cliente si veda bene. Pensate ad un negozio di parrucchiere…. Deve essere super illuminato e negli spazi giusti! La cliente deve vedere bene il colore dei capelli che ha appena cambiato e deve essere valorizzato al massimo all’interno del salone, ma in alcuni punti come la seduta e la zona lavabo. Molti optano per i “ binari” che illuminano in generale la parte centrale del negozio e poi faretti specifici per le sedute.


Invece per un negozio di estetica o spa, le luci saranno assolutamente modulate in base alle cabine e ai trattamenti che si propongono. Durante un massaggio rilassante non opterete per una luce blu! Mentre vi occorrerà quando farete un trattamento laser, ad esempio.


Proprio come per casa, o forse ancora di più, progettare la luce per un’attività commerciale, è uno degli aspetti che non può essere tralasciato o peggio, improvvisato.




20 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti